Intervento chirurgico per rimuovere il cancro alla prostata

La quantità di unoperazione alla prostata in Ucraina

L'opzione di trattamento più frequentemente scelto per il cancro della prostata è un intervento chirurgico, chiamato ufficialmente una prostatectomia radicale. Il tasso di guarigione per la chirurgia è eccellente, e gli effetti collaterali negativi sono generalmente temporanei.

Mentre la perdita di sangue è diminuita drasticamente con l'uso di attrezzature moderne, vi è ancora una possibilità da 2 a 3 per cento di sanguinamento durante l'intervento chirurgico alla prostata.

Anche intervento chirurgico per rimuovere il cancro alla prostata questo è raro, alcuni uomini possono richiedere una trasfusione, quindi si consiglia che una banca paziente due pinte di loro proprio sangue prima dell'operazione. Piastrine del intervento chirurgico per rimuovere il cancro alla prostata in genere prendono circa 10 giorni per girare, quindi è importante non assumere aspirina o vitamina E.

L'uretra viene tagliato e ricollegato durante l'intervento chirurgico alla prostata per rimuovere la ghiandola prostatica.

Secondo Peter T. Scardino, MD, presidente del dipartimento di urologia presso Memorial Sloan-Kettering Cancer Center, dal 10 al 20 per cento dei pazienti sperimenterà una stenosi. Più spesso, il trattamento prevede l'inserimento di un catetere metallico nell'uretra per allungare la zona interessata. Una ostruzione ureterale si verifica in due su ogni 1. I pazienti possono sentire qualche dolore o possono anche essere liberi da sintomi. Un altro raro rischio di intervento chirurgico alla prostata è una fistola urinaria.

Secondo il Centro di Eccellenza, il rischio di morte per gli uomini sotto i 65 anni di subire una prostatectomia radicale intervento chirurgico per rimuovere il cancro alla prostata uno su 1. Che si confronta con uno in 3. Naturalmente, questo rischio è aumentato per gli uomini più anziani e per gli uomini con gravi condizioni di salute supplementari. Anche se improbabile, ci sono rischi di gravi complicazioni derivanti entro i primi 30 giorni dopo l'intervento.

Essi comprendono: embolia polmonare, infiammazione di una vena, infezioni del tratto urinario, anormale ritmo cardiaco e infarto. Inoltre, la polmonite è un rischio dopo l'anestesia generale, e le infezioni della ferita si verifica in circa 1 a 2 per cento dei pazienti. Pagina intervento chirurgico per rimuovere il cancro alla prostata. Rischi Cancro alla prostata Chirurgia L'opzione di trattamento più frequentemente scelto per il cancro della prostata è un intervento chirurgico, chiamato ufficialmente una prostatectomia radicale.

Emorragia Mentre la perdita di sangue è diminuita drasticamente con l'uso di attrezzature moderne, vi è ancora una possibilità da 2 a 3 per cento di sanguinamento durante l'intervento chirurgico alla prostata. Stenosi uretrale L'uretra viene tagliato e ricollegato durante l'intervento chirurgico alla prostata per rimuovere la ghiandola prostatica. Ostruzione ureterale Una ostruzione ureterale si verifica in due su ogni 1. Fistola urinaria Un altro raro rischio di intervento chirurgico alla prostata è una fistola urinaria.

Morte Secondo il Centro di Eccellenza, il rischio di morte per gli uomini sotto i 65 anni di subire una prostatectomia radicale è uno su 1. Altri rischi Anche se improbabile, ci sono rischi di gravi complicazioni derivanti entro i primi 30 giorni dopo l'intervento.